Una fuga rocambolesca in A1, poi la polizia della Sottosezione di Cassino blocca la banda e recupera interamente la refurtiva. Quattro arresti. Il colpo è stato commesso a Sulmona, in Abruzzo. Poi i ladri hanno imboccato la A25, Stazione di Pratola Peligna, e hanno percorso senza mai fermarsi tutto il tratto autostradale con un bel carico d'oro trafugato in un'abitazione di Sulmona nascosto in uno dei guanti in lattice usati per il colpo. Arrivati in territorio di Cassino qualcosa è andato storto. A mandare in fumo i piani sono stati gli uomini del comandante Giovanni Cerilli che hanno bloccato l'auto.
L'auto a forte velocità ha subito insospettito gli agenti: dopo aver chiuso gli occhi davanti al posto di blocco, la banda ha accelerato e ha tentato il tutto per tutto cercando di seminare la polizia.
Nulla da fare.Dopo un inseguimento al cardiopalma la vettura è stata bloccata: all'interno cappellini da baseball, guanti in lattice e la refurtiva. I monili in oro trafugati a una famiglia abruzzese, nascosti in un guanto in lattice, sono stati interamente recuperati. E restituiti agli aventi diritto. I quattro, tutti slavi, sono stati arrestati.