Un ladro seriale. L'incubo della zona Folcara, a Cassino, dove nei mesi scorsi sono stati denunciati decine e decine di furti sia nel Campus ai danni di studenti universitari sia nel parcheggio del cimitero inglese dove dalle auto dei turisti stranieri è stato prelevato di tutto. Quando la polizia lo ha acciuffato, mentre metteva in azione l'ennesimo tentativo di apertura d'auto, è apparso come un signore distinto. Elegante e insospettabile. Si tratta di G.A., un settantenne di Cassino, già noto alle forze dell'ordine per via di alcuni precedenti specifici. 
Grande la sua abilità, grazie agli arnesi del mestiere costruiti o adattati da lui stesso, nell'aprire qualsiasi portiera. Qualche giorno fa c'è stato il dibattimento: per lui due mesi di reclusione e 80 euro di multa. Ma il giudice, oltre a non stabilire alcuna misura cautelare coercitiva, ha ordinato pure la restituzione delle "armi" con le quali il ladro riusciva a perpetrare i suoi furti. Nelle sue mani sono così tornati i grimaldelli e lo spadino.