Attesi per domani i risultati sul sangue umano rinvenuto sulle pietre che costeggiavano il percorso abituale di Armando Capirchio, il pastore di 59 anni scomparso lo scorso 24 ottobre, sul cui caso è stato aperto un fascicolo per omicidio e occultamento di cadavere. Sono stati analizzati anche gli indumenti, le automobili e il trattore dei due indagati, Michele e Terenzio Cialei, padre e figlio di 51 e 19 anni, difesi dall'avvocato Giampiero Vellucci. La loro abitazione è stata oggetto di molte perquisizioni e due settimane fa è stata sequestrata anche la casa materna di Cialei senior, dove fino a qualche anno fa abitava la madre, alla ricerca di eventuali tracce di Capirchio. Le analisi diranno se nell'abitazione sono state trovate tracce sospette, riconducibili al pastore scomparso. Il pm Vittorio Misiti, alla presenza degli avvocati delle due parti, Filippo Misserville per la famiglia Capirchio e Giampiero Vellucci per i due indagati, qualche settimana fa aveva incaricato un biologo dei Ris di compiere accertamenti sul materiale sequestrato. L'ora "x" si avvicina e domani dovrebbero arrivare i risultati delle analisi dai quali si attende la verità sul caso Capirchio per chiudere questa orribile pagina di cronaca che ha gettato tutto il paese nell'angoscia.