Solo l'obbligo di firma. Il giudice rimette in libertà i due ragazzi che hanno provato a rubare bottiglie di Berlucchi all'interno del Conad di Cassino. Una testata in faccia al titolare che aveva provato a fermarli e calci alla moglie: entrambi sono stati costretti a ricorrere alle cure ospedaliere. Per il proprietario, il signor Pasquale, sono stati necessari tre punti di sutura in bocca mentre otto sono stati i giorni di prognosi. Il tutto è accaduto sabato dopo le 12. L'uomo aveva adocchiato la coppia, un ragazzo di 25 anni e una ragazza di 20, aggirarsi tra gli scaffali di alcolici e poi prelevarne alcuni per infilarli in borsa. Da giorni notava ammanchi e, ora, era deciso a scoprire che cosa stesse accadendo nel suo supermercato. Quando ha capito che i due erano tutt'altro che clienti, ha chiamato la polizia e ha provato ad affrontarli. Lui e la moglie hanno beccato botte e pesanti minacce. Fortunatamente una volante è giunta prontamente sul posto e ha arrestato entrambi. Diversi i precedente a loro carico. Oggi, però, il giudice del tribunale di Cassino li ha rimessi in libertà con il solo obbligo di firma

Un colpo al Conad di Cassino, poco dopo le 12. L'ennesimo da parte di ladri appassionati di alcolici. Ma stavolta il titolare tiene sotto controllo la situazione e adocchia la coppia che ha infilato le bottiglie nella borsa, così li affronta. Intanto, chiama la polizia ma i due ladruncoli provano di tutto per fuggire, finanche una testata in faccia a lui e calci alla moglie. Ma tutto quel parapiglia rallenta, anzi impedisce, la loro fuga tra bottiglie di Berlucchi cadute a terra: così all'arrivo della volante scattano le manette per un venticinquenne e per una ragazza di 20 anni. Il reato contestato è quello di rapina impropria. Il titolare e la moglie vanno in ospedale per punti e medicazioni: diversi i giorni di prognosi. Amaro il loro sfogo, simile a quello del titolare del supermercato di Sant'Angelo dove un rapinatore solitario armato di pistola si è fatto consegnare 300 euro dalle dipendente, solo giovedì sera

di: Katia Valente