Attenzione a non pagare l'assicurazione o a viaggiare in un'auto senza assicurazione. Da qualche tempo fa c'è un occhio elettronico che stana i proprietari dei veicoli non in regola. E piovono le multe a quegli automobilisti distratti che hanno dimenticato di revisionare il mezzo o a quei furbetti che decidono di mettersi in movimento senza assicurazione con tutti i rischi del caso che ciò comporta. In due mesi di controlli con il targa system i vigili urbani del comando di Frosinone hanno sanzionato 213 veicoli senza revisione e 29 sprovvisti di assicurazione. Le sanzioni sono state elevate a colpo sicuro. La tecnologia consente di fare una scrematura in partenza, individuare gli automezzi non in regola e fermare solo quelli. Con un risparmio in termini di tempi e risultati decisamente migliori rispetto a un controllo tradizionale con auto fermate a campione. Dal 18 settembre al 17 novembre i vigili urbani del comandante Donato Mauro si sono posizionati sulle principali strade di Frosinone, per lo più fuori dal centro urbano e nelle vie di comunicazione più trafficate. La polizia locale con l'auto che monta il dispositivo di controllo dei veicoli e la pattuglia deputata a fermare i mezzi da sanzionare, posizionata qualche centinaio di metri più avanti, si è posizionata per lo più sullo stradone Asi, sulla Monti Lepini, sulla Casilina Nord. Di solito vengono scelti luoghi un po' ampi in modo da poter fermare il veicolo da multare in sicurezza e fuori mano per evitare anche il formarsi di capannelli di curiosi che, in questi casi, non mancano mai. I controlli sono stati effettuati un paio di volte a settimana e hanno portato, in media, a una decina di verbali a controllo, con il 10% circa che ha riguardato mezzi non assicurati. «È un risultato sconfortante -commenta il comandante della polizia locale Donato Mauro- La revisione è importante ai fini della sicurezza. Per quanto riguarda le auto non assicurate, è vero che c'è il fondo di garanzia, ma questo non copre i danni patrimoniali». Il punto è che, a volte, chi provoca un incidente non essendo coperto da assicurazione, poi scappa. «È un problema serio ribadisce Mauro per questo stiamo cercando di intervenire. Per le sanzioni in questi casi la gente non ci vede come un esattore. È una situazione diversa rispetto all'eccesso di velocità».
Infatti, chi guida senza assicurazione è un pericolo per gli altri, ma anche per se stesso. Il fondo di garanzia che copre i danni alle persone causati da un mezzo non assicurato poi si rivale sul proprietario del mezzo.
Mentre chi ha subito danni non coperti, come quelli ai veicoli, dovrà agire in sede giudiziaria per il risarcimento. Ecco perché la sanzione per chi guida senza assicurazione è severa. È previsto il sequestro del mezzo che, di solito, viene affidato allo stesso proprietario che però deve tenerlo in garage. La sanzione che scatta è di 849 euro. Se pagata entro cinque giorni se ne sborsano 594. Se il multato provvede a riattivare l'assicurazione entro i successivi trenta giorni ottiene un ulteriore sconto per cui la sanzione passa a 212 euro, che diventano 148 in caso di pagamento entro i cinque giorni. Tenuto conto che le auto restano assicurate per i successivi quindici giorni dalla scadenza del contratto, i vigili urbani fermano solo le auto che da diverso tempo non sono assicurate. Un modo per non colpire chi, per dimenticanza, non si è messo in regola, ma solo chi ci marcia. Con la crisi, infatti, sono molti gli automobilisti che, scientemente, hanno deciso di non assicurarsi, assumendosi i rischi conseguenti. Il targa system verifica praticamente in tempo reale la mancata copertura assicurativa, lo stato della revisione e se il veicolo finito nel mirino della telecamera risulta rubato o nella black list delle forze dell'ordine o se è sottoposto a sequestro o a fermo amministrativo.
Le telecamere, di solito posizionate su un'auto civetta, a poca distanza dalle pattuglie, inquadrano le auto in transito su quel tratto di strada. Acquisiti i dati della targa, scatta la verifica con la banca dati del ministero dei Trasporti e dell'Interno. Non appena ricevuta la risposta e, dunque, se il veicolo risulta non in regola scatta la segnalazione alla pattuglia che a quel punto ferma il veicolo. Quindi, si fermano solo i mezzi non a norma. Ma anche nel caso in cui il veicolo non rispetta l'alt e si dà alla fuga, la multa arriva lo stesso, direttamente a casa.