Una escalation di violenza, in una fredda serata invernale, che ha spaventato i cittadini. Una violenza improvvisa che si è conclusa con l'intervento dei carabinieri della compagnia di Pontecorvo e la denuncia di un minore. I fatti si sono verificati poco dopo le 20 di giovedì quando un giovane immigrato, ospite di una casa famiglia nel rione Pastine, ha iniziato a inveire contro l'operatrice della struttura. Urla furiose, bottiglie lanciate dalla finestra e, addirittura, una persiana sradicata e gettata per strada. Scene di autentico terrore che hanno generato fortissima preoccupazione tra i cittadini. Tanti coloro che in quel momento stavano passando per strada e, vedendo quello che stava accadendo, hanno avuto forte paura. Immediatamente è stato lanciato l'allarme chiamando il numero operativo dei carabinieri. Proprio una chiamata al 112 ha messo in moto la macchina dei soccorsi. Sul posto sono subito arrivati i carabinieri della compagnia di Pontecorvo coordinati dal tenente Tamara Nicolai. I militari hanno accertato la presenza di un ragazzo minore in evidente stato di alterazione psico emotiva, per futili motivi, a seguito di un alterco con l'operatore sociale che lavora nella struttura, aveva rotto alcuni bicchieri di vetro, nonché divelto e gettato sulla strada sottostante la persiana della stanza dove era ospitato, per poi fuggire dall'abitazione. Gli uomini dell'Arma sono subito intervenuti per riuscire a sedare gli animi e bloccare il giovane. Proprio il loro tempestivo intervento ha permesso di rintracciare il ragazzo che, dopo essersi tranquillizzato, è stato accompagnato in una altra casa famiglia. Per lui è stata emessa una denuncia in stato di libertà per il reato di "danneggiamento". Ma quanto accaduto ha suscitato fortissima preoccupazione tra i cittadini. Un episodio che ha scosso molto gli animi generando la preoccupazione dei residenti che si sono detti "esasperati". Molte le persone che hanno chiesto con forza che si provveda a una ricognizione di tutte le strutture di accoglienza sul territorio comunale. Sui social si sono moltiplicati anche i racconti di chi ha assistito alla scena nonché la richiesta di un intervento da parte dell'amministrazione comunale. E ieri il sindaco ha subito risposto: «Così come già accaduto in passato per casi simili organizzerò dei controlli a tappeto in ogni struttura»

La scorsa sera,  a Pontecorvo, i Carabinieri della locale Stazione, hanno deferito in stato di libertà, per il reato di "danneggiamento", un minore ospite presso una casa famiglia. Gli accertamenti svolti dai militari operanti, scaturiti da una telefonata al 112 della Centrale Operativa della Compagnia Carabinieri di Pontecorvo, che segnalava il ragazzo in piena escandescenza nel centro del paese, hanno consentito di verificare che il minore, in evidente stato di alterazione psico emotiva, per futili motivi, a seguito di un alterco con l'operatore sociale, aveva rotto alcuni bicchieri di vetro, nonché divelto e gettato sulla strada sottostante la persiana della stanza dove era ospitato, per poi fuggire dall'abitazione. Il tempestivo dispositivo attuato dai Carabinieri ha consentito l'immediato rintraccio del giovane che, dopo essersi tranquillizzato, è stato accompagnato in un'altra casa famiglia. 

di: La Redazione