"Luci nella notte del mondo, i giovani contro la pena di morte" è il titolo scelto per l'incontro dei giovani, per prepararsi all'Avvento e al Natale. Un appuntamento che domani sera riunirà tutti i giovani della Diocesi di Frosinone Veroli Ferentino (dai 16 anni di età). «Un incontro, che ha come tema quello di sensibilizzare i giovani al rispetto della vita e riaffermare con forza il nostro no alla pena di morte, una pratica che purtroppo resta ancora legale in alcuni Paesi del mondo come la Cina o gli Stati Uniti d'America. L'inizio dell'incontro non sarà all'interno di una chiesa, come accade di consueto, bensì nel piazzale dell'ex Stadio "Matusa" di Frosinone (davanti la "Curva Nord") dove, intorno alle 20, partirà una fiaccolata che si snoderà lungo via Aldo Moro fino a raggiungere il piazzale esterno della Parrocchia Sacratissimo Cuore». La fiaccolata rappresenterà simbolicamente quel "monumento" che la maggior parte delle città del mondo illuminerà in segno di opposizione alla pena di morte la sera prima, il 30 novembre, giornata mondiale contro la pena capitale, aderendo all'evento "Cities for Life". Poi, i partecipanti si sposteranno all'interno, dove ci sarà il secondo momento della serata, il cuore dell'iniziativa: l'incontro e la testimonianza di un ex condannato a morte che arriverà direttamente dagli Stati Uniti per raccontare quell'esperienza che gli ha cambiato completamente la vita e per rispondere alle curiosità dei ragazzi presenti (nessuna anticipazione, ma sarà un momento veramente toccante). L'iniziativa del 1° dicembre, organizzata dal servizio diocesano di pastorale giovanile, si concluderà con le parole del nostro vescovo Mons. Ambrogio Spreafico e sarà un buon modo per prepararsi al Natale e al sinodo dei giovani.