Bruciore agli occhi, secchezza alla gola. Quando più di uno degli ospiti di una struttura sanitaria specializzata del Cassinate ha segnalato alcuni sintomi specifici, si è reso necessario intervenire.
È accaduto l'altra sera nel Cassinate, dove è stato richiesto l'intervento del nucleo specializzato dei vigili del fuoco Nbcr. Per fortuna, nonostante le esalazioni, nessuno dei presenti ha accusato malori significativi, tali da richiedere il trasferimento al Santa Scolastica.
Le cause che hanno portato a richiedere l'intervento dei vigili del fuoco, delle forze dell'ordine e del nucleo Nbcr (acronimo che sta per nucleare, biologico, chimico e radiologico), chiamato a intervenire in situazioni eccezionali, «quando esiste un fondato pericolo di contagio da sostanze nucleari, biologiche, chimiche o radiologiche che potrebbero provocare gravi danni a persone, animali o cose» non sono chiare.
Dalle primissime informazioni trapelate sembrerebbe che a causare le esalazioni pericolose potrebbe essere stato un prodotto utilizzato per la pulizia dei sanitari. Ma non è stata individuata, comunque, la reale fonte dell'emanazione di gas e odori che hanno causato i bruciori. Per poter effettuare le analisi del caso, si è reso necessario far sgomberare la struttura temporaneamente: gli ospiti - oltre una cinquantina - sono stati fatti uscire. Solo al termine dell'operazione è stato possibile consentire a tutti di rientrare all'interno, riprendendo possesso delle loro stanze. Al momento non è possibile stabilire, contro ogni ragionevole dubbio, cosa abbia provocato quelle strane esalazioni. Indagini ancora in corso.