Cassaforte ripulita di orologi di valore e gioielli. Colpo grosso a casa del vice presidente del Frosinone Calcio, Vittorio Ficchi. I ladri sono entrati in azione giovedì scorso nell'abitazione dell'imprenditore, nella zona periferica della città gigliata. Sull'accaduto indagano i carabinieri a cui è stata sporta denuncia per cercare di dare un nome e un volto agli autori.

La ricostruzione
Hanno approfittato dell'assenza del vice presidente Ficchi e della sua famiglia per entrare in azione indisturbati. Si sono intrufolati scardinando un portone nel retro della villa. Una volta all'interno hanno scovato la cassaforte e con arnesi da scasso l'hanno forzata. All'interno erano custoditi orologi e gioielli. Da quantificare il valore degli oggetti ma erano di grande entità. Con il bottino i ladri sono poi fuggiti a gambe levate, prima del rientro a casa dell'imprenditore. Il colpo è stato segnalato ai carabinieri della stazione di Ferentino che hanno subito avviato tutti gli accertamenti del caso per risalire ai banditi. Non si esclude che possano aver agito più di due persone e con un complice a fare da palo per segnalare l'eventuale ritorno a casa del vice presidente del Frosinone Calcio o di qualche suo familiare. Proprio quando è tornato a casa, Ficchi ha scoperto che, ignoti, durante la sua assenza, erano entrati nella sua abitazione. Una porta era stata scardinata e la cassaforte svuotata. Nel bottino dei ladri gioielli e orologi, anche di valore affettivo.
Intanto dopo un altro furto sul territorio, i cittadini tornano a chiedere l'installazione di telecamere nelle zone più sensibili del territorio, così da scoraggiare i malviventi. Fondamentale anche la collaborazione dei residenti con le forze dell'ordine, da contattare immediatamente nel caso in cui venissero notati strani movimenti o auto sospette vicino alle abitazioni.