Quando si sono svegliati ieri mattina e sono scesi per andare al lavoro hanno avuto una brutta sorpresa. È successo a quattro automobilisti che risiedono in viale Europa, a Cassino. Hanno trovato le loro vetture completamente distrutte, i finestrini, il parabrezza e il lunotto in frantumi, vetri ovunque e tappezzeria interna rovinata. A mancare all'appello i gps.
I navigatori satellitari sono stati sradicati dai cruscotti. Solo i gps e niente altro, neanche le borse e gli zaini lasciati nelle vetture. Non è stato toccato altro. Un tipo di furto che ha lasciato perplessi non solo i proprietari delle macchine, che ovviamente si sono infuriati, ma anche gli agenti del Commissariato di Cassino che sono stati chiamati. I poliziotti giunti sul posto hanno trovato una scena insolita: le vetture scassinate si trovavano tutte nel raggio di 150 metri. Hanno provveduto alla raccolta di eventuali prove sul luogo. 
Solitamente il gps viene messo fuori uso o eliminato da malviventi che portano via le automobili, non il contrario, ciò che i navigatori satellitari finiscono nel bottino e le auto restano parcheggiate. Forse un furto mirato, quasi certamente un colpo anomalo. Nessuno dei residenti sembra essersi accorto di niente fino alla mattina, quando ormai era troppo tardi. Ad indagare sull'episodio sono gli uomini del Commissariato di Cassino coordinati dal vice questore Alessandro Tocco. La zona presa di mira è residenziale, quindi la notte non ci sono locali o attività aperti che possano avere telecamere di videosorveglianza per risalire a quanto accaduto. I residenti sono furiosi: «Ne succedono di tutti i colori, c'è bisogno di più controllo. Questo è un furto su commissione, troppo strano quello che hanno portato via».