Muore misteriosamente durante il suo viaggio di nozze nelle Fiji, poi l'autopsia rivela che la causa del decesso è stata una polmonite. L'infermiera 24enne Kelly Clarke era con il nuovo marito Chase quando si è ammalata durante il suo soggiorno nel resort ed è stata portata in ospedale. Da subito - come riportano la stampa internazionale e ilmattino.it - le sue condizioni sono sembrate gravi e poche ore dopo è morta. 

La donna, che lavorava come infermiera nell'ospedale di Westmead, in Australia, aveva inizialmente accusato mal di stomaco, poi le era venuta una febbre altissima, così inizialmente si è creduto che il decesso fosse dovuto al tifo. Da quando ha lamentato i primi malesseri al ricovero - prosegue ilmattino.it - sono passati solo 20 minuti, come racconta il marito al Daily Mail, Kelly lo stringeva e gli diceva che aveva paura di morire: «Era in choc settico, respirava a malapena, aveva forti dolori, tutto è accaduto così in fretta e poco dopo è morta». La polmonite le ha causato una grave infezione, in poco meno di un'ora ha avuto 5 arresti cardiaci, il suo corpo alla fine ha ceduto stremato dalla malattia.

Quando la salma è stata portata in Australia l'autopsia ha rivelato che la causa del decesso è stata una polmonite. Probabilmente la donna aveva trascurato una serie di sintomi non curando la patologia che si è aggravata fino ad ucciderla.