Forse ci siamo: il grande caldo potrebbe essere presto solo un lontano ricordo. Secondo gli esperti di 3BMeteo, infatti, già nei prossimi giorni potrebbero arrivare i primi temporali e il fresco da tutti atteso con ansia. Quindi, dopo un'estate di caldo record e un mese di agosto rovente e con pochissime piogge, proprio all'inizio di settembre una perturbazione atlantica riuscirà finalmente a spezzare il dominio anticiclonico e porterà piogge e temporali, localmente anche di forte intensità e con accumuli abbondanti, accompagnati da un sensibile calo delle temperature e da un rinforzo della ventilazione. Vediamo nel dettaglio l'evoluzione attesa. 

GIOVEDI' -  I primi temporali interesseranno Alpi, Prealpi e localmente la val Padana occidentale nel corso del giorno, mentre sul resto d'Italia il tempo sarà ancora buono e piuttosto caldo seppur con il passaggio di nubi irregolari e qualche locale piovasco tra Toscana e Umbria. 

VENERDI' - La perturbazione sarà in piena azione al Nord e sulle regioni centrali Tirreniche, con rischio di fenomeni localmente forti e a carattere di nubifragio. Le aree più a rischio di precipitazioni intense saranno Lombardia, Triveneto e Toscana; qualche piovasco sarà possibile anche in Sardegna e sulle regioni del medio-adriatico, seppur a carattere più irregolare, ancora in prevalenza asciutto al Sud. 

WEEKEND - La tendenza è verso una generale instabilità su tutta Italia seppur in un contesto di spiccata variabilità con piogge e temporali alternate a pause asciutte e a momenti anche soleggiati, e con miglioramento domenica a partire dal Nord Ovest.

TEMPERATURE IN CALO DI 10 GRADI - La perturbazione sarà accompagnata da aria fresca, che determinerà un sensibile calo termico di circa 10 gradi fin da venerdì al Nord e nel weekend anche al Centro Sud. Sulle Alpi sarà piuttosto fresco per il periodo con il ritorno della neve fin verso i 2000 metri sui settori confinali.