Sorpreso con le mani nella marmellata. O meglio: con in mano gli snack appena rubati dai distributori automatici dell'Ufficio Anagrafe del Comune di Frosinone. E' accaduto la scorsa notte nel palazzo comunale del Capoluogo dove gli agenti della Squadra Volante della Questura hanno tratto in arresto, in flagranza di reato pluriaggravato, un 25enne frusinate già noto alle forze dell'ordine.

Ladro alquanto maldestro che, durante il colpo, ha provocato un rumore talmente forte da attirare l'attenzione di una pattuglia della polizia che in quel momento transitava nei pressi di piazza VI Dicembre, dove ha sede il Comune. 

Gli agenti, con l'ausilio di un'altra pattuglia allertata nel frattempo, si sono quindi avvicinati silenziosamente allo stabile, introducendosi dalla porta d'ingresso dell'Ufficio Anagrafe aperta e visibilmente danneggiata.

All'interno del locale i poliziotti hanno quindi subito bloccato il ladro, che stava "operando" con volto travisato da un cappuccio. A quel punto è scattata la perquisizione personale che ha dato esito positivo: all'interno del marsupio che il malintenzionato aveva a tracollo è stato infatti rinvenuto un cacciavite lungo 34 cm utilizzato per le effrazioni presenti sulla porta e sul distributore automatico, oltre a diversi snack lì trafugati e monete di vario taglio.

Condotto in Questura per gli accertamenti di rito, l'uomo, un 25enne frusinate già noto alle Forze dell'Ordine per essersi reso responsabile in passato di reati contro  il patrimonio e in materia di stupefacenti, è stato arrestato dalla Squadra Volante in flagranza di reato pluriaggravato.