Fiamme improvvise a Sant'Apollinare. Un incendio è scoppiato nel primissimo pomeriggio mentre tutti erano intenti a festeggiare il ferragosto. Nessun dubbio, neppure stavolta sulla natura dolosa delle fiamme che hanno devastato bosco e proprietà private. Anche nel piccolo centro della Valle dei Santi, come è accaduto ieri con lo spaventoso incendio di San Pasquale, la gente ha preso gli idranti della bonifica e aiutato i vigili del fuoco a spegnete i roghi. Colpiti anche i terreni del suocero del sindaco di Cassino. Carlo Maria D'Alessandro e la sua famiglia si sono subito dirottati sul posto e hanno iniziato a dare una mano. Carlo, la moglie, il suocero e i cognati - insieme ad altri cittadini - hanno gettato acqua per spegnere le fiamme che iniziavano ad avvicinarsi pericolosamente anche alle case. Sul posto anche i carabinieri per un'altra giornata terribile di fuoco. I piromani non danno tregua neppure a Ferragosto. Anche il sindaco di Sant'Apollinare ha raggiunto il luogo del rogo per verificare la situazione.