Si riaccendono le polemiche sull'abusivismo al mercato dell'abbigliamento nel campo Miranda. Ci sono ambulanti che pagano regolarmente le tasse, mentre altri ne approfittano e si allargano con i banchi a loro piacimento.

«Il problema sorge anche per le invasioni di tutti questi ragazzi con i loro carrelli - ha inveito un commerciante - Si fanno le regole a loro piacimento». «Qua regna il caos - ha tuonato un altro ambulante - in questo abbonda l'abusivismo. Sono decine i trasgressori con i carrelli che si posizionano in maniera indiscriminata dentro e fuori l'area adibita all'appuntamento settimanale. Intralciano il passaggio degli acquirenti creando caos e insicurezza sia tra i visitatori che tra gli stessi operatori. Siamo esausti dell'indifferenza da parte dell'amministrazione, della polizia municipale. Le regole ci sono e tutti le dovrebbero rispettare».

Si respira un clima teso tra i banchi, ci sono quelli che girano per la provincia per portare i loro prodotti in ogni mercato e per riuscire alla fine del mese ad avere il necessario per poter provvedere alle spese della famiglia. Loro pagano quello che gli spetta per l'occupazione del posto. Poi ci sono quelli che arrivano la mattina con il treno, che montano espositori traballanti carichi di biancheria per la casa, di borse e cinture, di orecchini e collanine. L'esercito degli abusivi che tornano di settimana in settimana e che occupano ogni angolo di parcheggio, a volte anche gli spazi desinati ai regolari.