Cimitero di Sant'Ambrogio sul Garigliano "invaso" dai calabroni. Il sindaco chiude i cancelli per metterlo in sicurezza ed eliminare il pericolo di punture che possono rivelarsi pericolosissime per i cittadini. Per questo si è reso necessario, ieri mattina, l'intervento dei vigili del fuoco del distaccamento di Cassino, sul posto per bonificare la struttura.
Tanta la paura registrata nella giornata di giovedì, quando è stato rinvenuto un grosso nido di calabroni tra le tombe. Immediato l'intervento dell'amministrazione comunale, che ha avvertito la cittadinanza che momentaneamente non è possibile accedere al camposanto.
Gli uomini del distaccamento di Cassino hanno eseguito la bonifica dell'area e hanno consigliato la chiusura anche per l'intera giornata di oggi.
La riapertura del cimitero è prevista perciò per domani. Sono oltre cinque milioni gli italiani che ogni anno vengono punti, ma si stima che l'allergia al veleno di imenotteri può provocare reazioni localizzate o gravi reazioni sistemiche di tipo respiratorio e cardiocircolatorio che si possono complicare fino alla morte, come succede, in Italia, in una ventina di casi all'anno.