La cena finisce male a causa di un limoncello che i commensali pretendevano dal titolare dell'attività dopo il lauto banchetto che avevano prenotato. E consumato. Sarebbe questo il motivo che ha fatto scoppiare il putiferio in un locale di Villa Santa Lucia dove, poco dopo l'una - nella notte tra venerdì e sabato - se le sono date di santa ragione dopo aver mangiato e bevuto a sazietà. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, ora al vaglio dei carabinieri della Compagnia di Cassino, agli ordini del tenete Emanuele Grio, sembrerebbe che la famiglia del Cassinate riunita per un momento di convivialità (forse per una cerimonia, ma questa è soltanto una indiscrezione) a fine cena avrebbe chiesto al ristoratore un limoncello extra. Una pratica usuale in molti locali della zona, dove dopo antipasti, primi, secondi, contorni e amari il secondo "giro" di digestivi viene solitamente offerto dopo l'ennesima richiesta del cliente. Non una prassi, certo. Ma una cortesia dei ristoratori che così provano a fidelizzare anche i più esigenti. A quanto pare, però, quando la cortesia è venuta meno la famiglia avrebbe alzato i toni. Il lauto banchetto avrebbe, probabilmente, giustificato un piccolo limoncello in più. Ma i toni si sono esacerbati in pochissimo tempo. Ed è scoppiato il parapiglia. Secondo i beninformati dopo un primo confronto concitato, qualche familiare adirato avrebbe iniziato ad offendere il personale. Poi un inseguimento nello stesso locale, con una zuffa costata a uno dei camerieri ferite giudicate guaribili in sette giorni. Se si pensa che la cagnara sia stata partorita da un limoncello negato, la scena non può che apparire tragicomica. Sul posto, comunque, sono arrivati i carabinieri per sedare gli animi e mettere a tacere i più esigenti. E i più brilli. I militari, intanto, stanno procedendo nell'identificazione dei soggetti coinvolti nella rissa dai toni surreali.

Il cameriere ferito, trasportato in ospedale subito dopo l'alterco, è stato sottoposto a tutte le cure del caso da parte dei medici e degli infermieri del Santa Scolastica. E per fortuna ha riportato soltanto ferite superficiali: se la caverà con pochi giorni di prognosi.

In corso la ricostruzione dei fatti da parte dell'Arma, che dovrà capire cosa sia realmente accaduto e se, davvero, la violenza sia scaturita dal limoncello non offerto ai commensali. Come dire: i clienti non hanno sempre ragione. O forse sì.

Una tremenda aggressione stanotte in un locale di Villa Santa Lucia. Un banchetto con decine di invitati finisce a insulti e botte al cameriere. Al termine della serata parte un litigio con il cameriere per un limoncello. Viene rincorso e ferito alla testa da una ventina di commensali che devastano gli ambienti dove passano. Volano schiaffi anche a chi prova a difendere il ragazzo. Momenti di autentica tensione fino al tempestivo arrivo dei carabinieri che salvano la situazione. Ora si indaga per ricostruire l'accaduto e verificare profili di responsabilità

di: k.v. e cdd