Violento parapiglia, ieri sera, in una centralissima via di Cassino dove due uomini, per impedire il controllo di un furgone lì parcheggiato, hanno iniziato a rivolgere frasi offensive nei confronti degli agenti della squadra volante polizia intervenuti su allarme diramato da alcuni cittadini, agenti che sono anche stati colpiti violentemente dalla coppia. 

I fatti

Un 37enne residente a Cassino segnala sulla linea di emergenza del Commissariato che l'applicazione di localizzazione scaricata sul proprio telefonino, rubatogli qualche giorno prima in provincia di Latina, localizza l'apparecchio nei pressi della sua abitazione.

Tra l'altro l'uomo è preoccupato per il fatto che, in quella circostanza, gli erano state anche trafugate le chiavi di casa. La nota è diramata alla Squadra Volante che immediatamente giunge sul posto, una via centrale della Città Martire. Gli agenti intercettano un furgone e decidono pertanto di effettuare un controllo. Nel frangente due uomini, indispettiti dalla presenza dei poliziotti, iniziano a proferire frasi offensive nei loro confronti, colpendoli anche violentemente per ostacolare il controllo.

In ausilio giungono altre Forze dell'Ordine. I due violenti vengono bloccati ed identificati: si tratta di un 53enne, nativo di un paese a confine con la vicina provincia di Latina, e di 32 enne, di origini rom, residente a Cassino.

Per quest'ultimo scatta l'arresto per violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale, mentre  il complice viene denunciato per lo stesso reato .

Gli agenti feriti sono stati refertati presso il Pronto Soccorso del locale nosocomio.