Prima l'ha conquistata, facendole magari immaginare che la loro sarebbe stata una storia di amore e passione. Poi, però, si è trasformato nel suo violento aguzzino: atti persecutori, maltrattamenti, botte e minacce fino al giorno in cui, a bordo dell'auto, l'ha speronata facendole rischiare di uscire fuori strada. Alla fine lei, vittima psicologica ma soprattutto fisica di un'indicibile e bestiale violenza, ha deciso di denunciarlo. E ora, dopo un anno e mezzo, l'uomo, S.P., 50 anni, è finito sotto processo: dovrà rispondere di stalking e lesioni gravissime.L'apertura del processo è stata fissata per il 10 gennaio 2018.

I fatti
La relazione tra il cinquantenne, un uomo di Frosinone peraltro sposato, e una quarantenne divorziata, anche lei del capoluogo, inizia circa tre anni fa. Un rapporto che ben presto si connota di manifestazioni violente, in un crescendo di episodi che vedono spesso la donna ricorrere alle cure del pronto soccorso, dopo liti e terribili percosse da parte del suo amante. Ma lei, evidentemente impaurita e probabilmente psicologicamente soggiogata dal cinquantenne che non la lascia in pace, subisce in silenzio. Le violenze non si fermano, fino al punto in cui la quarantenne, sfinita e umiliata, decide di troncare questa storia. Ma è l'inizio della fine: pedinamenti, minacce, percosse sono all'ordine del giorno. In un'occasione il cinquantenne, furibondo per la fine della relazione con la donna, la sperona con l'auto tentando di farla uscire fuori strada. Lei entra in un incubo ancora peggiore del precedente e, un anno e mezzo fa, denuncia tutto alle forze dell'ordine.

Ieri mattina, davanti al gup Logoluso, il pm Caracuzzo ha chiesto e ottenuto il rinvio a giudizio del cinquantenne che deve rispondere di stalking e lesioni gravissime. Difeso dagli avvocati Rosario Grieco e Giulia Giacinti, dovrà comparire in tribunale il 10 gennaio 2018. La donna, che si è costituita parte civile, è rappresentata dall'avvocato Floriana Viselli.