Danneggiamento e violenza a pubblico ufficiale. Sono questi i reati contestati al ghanese che ieri notte ha seminato il panico in centro, a Cassino, lungo via Verdi, alle spalle delle giostre allestite per la festa di Sant'Antonio che ha attirato in città migliaia di persone. Il nord africano, di 26 anni, ha terrorizzato i presenti. Frasi sconnesse, grida e una violenza cieca. Forse in preda ai fumi dell'alcol. Fatto sta che nel suo delirio ha impugnato una grossa pietra e distrutto oltre dieci auto. Diversi i parabrezza in frantumi sotto i suoi colpi. Poi all'arrivo della polizia ha tentato la fuga ed ha aggredito gli agenti con la stessa furia. Cosí è stato arrestato. Ancora questa mattina i racconti della gente erano all'insegna dello sbigottimento. "Non sapevamo cosa fare. Abbiamo pensato solo a correre, scappare e ad allontanarci".