Quando lo scarso senso civico procura danni all'ambiente. Nonostante le disposizioni in materia, le possibili sanzioni e gli appelli, molte persone continuano a bruciare rifiuti nocivi e pericolosi. Tante le segnalazioni ricevute nello scorso fine settimana, in particolare nelle vaste zone della Fiura e di Tecchiena. Soltanto nella mattinata di sabato, un cittadino ha contato, a vista d'occhio dalla sua abitazione della Fiura, almeno 8 focolai: «E l'odore malsano, la puzza, hanno iniziato a propagarsi già dalle prime ore della giornata, impestando un'ampia area».

Eppure, per i rifiuti ingombranti esistono le apposite isole ecologiche, a Cavariccio e a Vallecarchera, dove poter gettare quei rifiuti di difficile smaltimento. L'invito è sempre quello di seguire correttamente le norme emanate che, dal prossimo giovedì, prevedono anche il divieto, secondo un'ordinanza del Comune di Alatri, di bruciare sterpaglie, rovi, arbusti, residui di potature, salvo nei casi previsti e autorizzati per prevenire gli incendi estivi. Il divieto sarà valido fino a tutto il prossimo 30 settembre. A vigilare sull'applicazione dell'ordinanza e a sanzionare gli eventuali trasgressori ci penserà il corpo della Polizia municipale.