Da Isernia a Cassino per comprare hashish da consumare nel fine settimana. Un canale, stando ai primi accertamenti, piuttosto fiorente soprattutto per i pendolari della droga che dai territori limitrofi - anche se fuori regione - raggiungono Cassino per i rifornimenti. Questa volta, però, ad un venticinquenne di Isernia è andata male. Il giovane, dopo un rocambolesco inseguimento e dopo aver tentato invano di disfarsi della droga, 70 grammi di hashish, è finito in manette. A bloccarlo nella zona del rione Colosseo ci hanno pensato gli agenti del Commissariato di Cassino agli ordini del vice questore Tocco.

Il giovane molisano, alla vista della Volante, ha tentato di disfarsi dell'involucro gettandolo dal finestrino e tentando una fuga forsennata: tutto inutile. Gli agenti lo hanno bloccato ma lui ha provato a reagire, dovendo quindi rispondere anche di resistenza a pubblico ufficiale oltre che di spaccio. L'ennesimo episodio, quello registrato dalla polizia ieri pomeriggio, che conferma quanto dichiarato senza mezzi termini dal procuratore D'Emmanuele: «È la piazza più potente della provincia. Va scoperto in quali tasche finiscono i profitti illeciti». E a quanto pare gli interessi vanno ben oltre il territorio provinciale con un "turismo dello sballo" che sembra purtroppo attrarre acquirenti anche dal Molise e dal vicino Abruzzo. Per questo le forze dell'ordine hanno recentemente rafforzato oltremisura i controlli antidroga.