Quattro i denunciati per rissa. La polizia del Commissariato di Cassino ha identificato quattro egiziani, tra i 25 e i 27 anni, ritenuti autori della violenta rissa con spranghe in ferro. Uno, un trentatreenne loro connazionale, è stato ricoverato all'Umberto I con un trauma cranico. Indagini in corso da parte degli uomini del dottor Tocco per ricostruire l'accaduto

La Squadra Volante del Commissariato di Cassino interviene  nel centro cittadino in seguito a segnalazione sulla linea di emergenza 113 per una rissa con spranghe di ferro tra extracomunitari. Alla vista degli agenti, giunti prontamente sul posto, le persone coinvolte si danno alla fuga, per far perdere le loro tracce. I poliziotti riescono comunque a bloccare 4 persone risultate tutte di nazionalità egiziana e deferite alla competente Autorità Giudiziaria per rissa. Tra i denunciati, un 22enne, illegale sul territorio nazionale, ha fatto ricorso alle cure dei sanitari a causa delle lesioni patite e, trasferito ad un policlinico romano, ne avrà per almeno 30 giorni.

Sono in corso gli accertamenti della Squadra di Polizia Giudiziaria del Commissariato per  individuare gli altri soggetti coinvolti nell'atto violento e per risalire ai motivi scatenanti, che sembrerebbero ricondursi a dissidi tra egiziani per interessi economico-commerciali sul territorio cassinate, concernenti l'attività di autolavaggio.

di: La Redazione