Per la prima volta il tribunale di Frosinone affronterà un processo per omicidio stradale. Da quando la legge che ha inasprito le pene per chi provoca un incidente mortale mettendosi alla guida sotto effetto di droga o di alcol è entrata in vigore sarà dunque una novità. È stato rinviato a giudizio, per il 13 ottobre, Gianluca Arduini, 36 anni di Torrice, l'automobilista che investì e uccise, a Tecchiena, il pensionato Eugenio Rapone, 70 anni, di Alatri. Il caso finirà al vaglio del tribunale collegiale. Oltre al nuovo reato di omicidio stradale, con l'aggravante di esser risultato positivo al test antidroga, ad Arduini è contestato il reato di evasione. Questo perché, la sera dell'incidente, Arduini, che era ristretto agli arresti domiciliari, aveva ottenuto un permesso a uscire dall'abitazione per andare a sostenere un colloquio di lavoro ad Alatri. Solo che alle 20 avrebbe dovuto far rientro a casa, mentre l'incidente, secondo la ricostruzione effettuata dai carabinieri che effettuarono i rilievi, si è verificato poco dopo le 21. Arduini è difeso dall'avvocato Giampiero Vellucci, mentre la famiglia di Rapone è parte civile con l'avvocato Patrizio Cittadini.

La ricostruzione

Stando alla ricostruzione dell'accaduto, quel giovedì sera del 7 aprile 2016, Arduini, alla guida di una Bmw 320, aveva investito Rapone che stava attraversando la strada. Il pensionato, infatti, dopo aver parcheggiato l'auto sull'altro lato della Statale 155 era sceso per effettuare un prelievo al bancomat nella banca di fronte e stava ritornano alla macchina. In sede di convalida il 35enne si era difeso sostenendo che l'uomo aveva attraversato all'improvviso la strada in un tratto buio e senza strisce pedonali. Nel corso delle indagini, coordinate dal sostituto procuratore Monica Montemerani, sono state effettuate tre perizie per chiarire la dinamica dell'incidente. E dunque oltre al consulente tecnico d'ufficio, anche la difesa e la parte civile hanno incaricato dei propri periti di ricostruire il tragico evento. Ora la battaglia si trasferirà davanti al tribunale che, dunque, per la prima volta affronterà un processo del genere.