Far west in città, il minorenne è ancora irreperibile. La violenza registrata sabato notte a Pontecorvo è sotto l'attenta analisi dei carabinieri, che restano impegnati nella vasta caccia all'uomo aperta dopo quanto accaduto in via S. Esdra. In base ad una primissima ricostruzione dei fatti, sembrerebbe che a "sfidarsi" in pubblica piazza siano stati due gruppi contrapposti: uno composto da 4 ragazzi a bordo di una Seicento, l'altro composto da 5 giovanissimi in un'Alfa 147. Alla base della lite un'occhiata di troppo: nessuna questione importante, nessun conto in sospeso. Almeno in apparenza. Una parola di troppo per un'occhiata sgradita: ecco la miccia. Poi l'esplosione della violenza. I due gruppi, dopo parole forse pesanti, si sarebbero inseguiti in auto. Dal centro storico fino a via S. Esdra. Dalla Seicento sarebbe stato esploso un colpo d'arma da fuoco: solo a quel punto qualcuno ha chiamato i carabinieri. Al loro arrivo un minore è fuggito armato. Nell'auto sono stati trovati circa 80 bossoli, una pistola senza tappo rosso e una mazza. In tre (assistiti dagli avvocati Michele Notaro e Emanuele Carbone) sono stati denunciati. Mentre si cerca senza sosta il minorenne, ancora irreperibile.