Un'inchiesta che parte da Boville Ernica, arriva in Abruzzo e prosegue fino a Roma, al Senato. L'indagine sui lavori per la trasformazione degli impianti pubblici della Marsica al led, per i quali sarebbero state pagate delle tangenti, diventa un caso nazionale. L'inchiesta, nata dalle denunce dell'imprenditore Angelo Capogna della Saridue (società poi fallita) e che, nei giorni scorsi, ha portato la procura di Avezzano a notificare 37 avvisi di conclusione delle indagini preliminari, nei confronti di amministratori locali, imprenditori e tecnici di diversi centri dell'Abruzzo, fa un ulteriore salto di qualità. Secondo quanto emerso nella giornata di ieri, con tanto di ribalta mediatica nei principali tg e quotidiani nazionali, dalle dichiarazioni rese da Capogna è stata aperta un'altra indagine. Dal filone principale è stato effettuato uno stralcio che riguarderebbe la senatrice del Partito democratico Stefania Pezzopane e per questo è stato trasferito per competenza alla procura dell'Aquila.

Quest'ultima, 57 anni, senatrice dal 2013, è stata assessore e presidente del consiglio comunale dell'Aquila, presidente della Provincia e assessore e vice presidente del consiglio regionale dell'Abruzzo. Alla parlamentare è contestato il reato di finanziamento illecito ai partiti. Lei, dal canto suo, ostenta tranquillità, dice di non aver ricevuto ancora nulla e di essere sicura che tutto si chiarirà. «La magistratura - ha dichiarato - vada in fondo e scopra la verità: so come faccio le campagne elettorali e come agisce il mio tesoriere».

Secondo le dichiarazioni di Capogna, che hanno portato anche all'apertura di un analogo procedimento per gli appalti di Monte San Giovanni Campano e Castro dei Volsci, l'imprenditore sarebbe stato costretto a pagare tangenti, nonché effettuare lavori gratis, regali, sponsorizzazioni di squadre di calcio della Marsica, perfino la porchetta per la rielezione di un sindaco abruzzese ed assunzioni di parenti e conoscenti dei politici pur di lavorare. Capogna, che è assistito dall'avvocato Giuseppe Dell'Aversano, dopo la sua denuncia è stato più volte ascoltato dagli investigatori della procura di Avezzano e dalla squadra mobile dell'Aquila. Ha ricostruito come otteneva le commesse per l'installazione del led e quanto gli chiedevano i vari intermediari, che, a un certo punto, lo avrebbero minacciato di stoppare i lavori. Per questo Capogna si trova nella duplice veste di indagato, per corruzione e associazione a delinquere, ma anche di parte lesa per i reati di estorsione e usura.