Hanno con sé sacche piene di biancheria si scarsa qualità. A volte chiedono un obolo in cambio di calzini. Per aiutare la famiglia in difficoltà. E sempre più spesso lo fanno in luoghi in cui la sofferenza è alle porte, come nel piazzale del Santa Scolastica o fuori dalle cliniche.

Oppure si improvvisano parcheggiatori, ovviamente abusivi. Come accaduto ieri mattina all'ingresso dell'ospedale cittadino. A mettere fine a tutto questo ci hanno pensato, ancora una volta, gli agenti del Commissariato di Cassino che sono intervenuti nell'immediatezza subito dopo la segnalazione di un utente. E per i due giovanissimi napoletani, già destinatari di un foglio di via obbligatorio, è scattata una denuncia per inottemperanza alle prescrizioni del questore.

I precedenti

Non è la prima volta che gli abusivi diventano molesti, soprattutto nel piazzale del Santa Scolastica. Poco meno di un mese fa in tre hanno avvicinato gli automobilisti in cerca di un parcheggio per entrare in ospedale. A qualcuno, invece, hanno chiesto un'offerta in cambio di un paio di calzini di pessima qualità. E alla risposta negativa non sono mancati neppure insulti e minacce relative all'auto lasciata nel parcheggio. Per questo decine di cittadini, proprio durante l'orario di visite, avevano deciso di ribellarsi. E avevano chiamato la polizia. Immediato, anche in quel caso, l'intervento degli agenti del Commissariato di Cassino, guidato dal vice questore Alessandro Tocco. La volante, arrivata nel parcheggio dell'ospedale, aveva intercettato facilmente i tre uomini con le sacche a tracolla. Gli agenti avevano provveduto al controllo dei documenti: per due di loro era scatta la denuncia per aver violato il foglio di via.