Cinque pagine per raccontare alla Commissione regionale anti-mafia lo stato di "degrado" e di paura che si vive a Cassino. Droga e omertà. Commerci dalla faccia lecita mentre aleggia il sospetto che possano esserci radici di malaffare. Il sindaco di Cassino D'Alessandro ha tratteggiato, nel dettaglio, la situazione del territorio con un plauso - inevitabile - all'impegno della Procura e delle forze dell'ordine protagoniste di eccellenti operazioni nelle piazze calde di Cassino. Richiesta insistente su un maggiore organico per le forze di polizia e la candidatura di Cassino a "presidio di legalità". Cassino come baluardo per la sicurezza in un'azione sinergica con tutti gli attori in campo.

SEGUONO AGGIORNAMENTI