Terribile schianto, ieri mattina, sulla superstrada Sora-Avezzano: perde la vita una ragazza di 30 anni. Aveva trascorso la Pasquetta con gli amici di sempre e ieri mattina, prima delle sette, era già in macchina per riprendere il lavoro in provincia di Latina. Ma, poco prima dello svincolo di Sora nord, il violentissimo impatto che non le ha lasciato scampo. Lucia Pierleoni, classe 1987, originaria e residente a Celano, è deceduta sul colpo, dopo l'impatto della sua Lancia Y Elefantino con un furgone che procedeva in direzione opposta e sul quale viaggiavano quattro operai dell'Anas provenienti da Capua.

Per la ragazza, che nel 2012 si era laureata in Giurisprudenza e da poco aveva trovato lavoro alla Johnson & Johnson di Latina, non c'è stato nulla da fare: inutili i soccorsi prontamente intervenuti sul posto. La dinamica dell'incidente è ancora al vaglio dei carabinieri, che hanno eseguito i rilievi. La piccola utilitaria della ragazza è stata letteralmente sventrata, tanto che i vigili del fuoco hanno dovuto faticare non poco per estrarre il corpo dal groviglio di lamiere. Lievi ferite, invece, per due dei quattro occupanti del furgone.

Il personale del 118 ha tentato di rianimare la ragazza, ma inutilmente. Sul posto anche la polizia locale che si è dovuta occupare della viabilità: la superstrada è rimasta chiusa a lungo in entrambe le direzioni di marcia per consentire le operazioni di rimozione dei mezzi. La ditta funebre "2 Petitta" di Sora ha trasportato la salma di Lucia all'ospedale Santa Scolastica di Cassino, dove oggi potrebbe essere disposta l'autopsia o l'ispezione cadaverica esterna.

La notizia della sua morte ha lasciato sconvolto il piccolo comune di Celano: anche il primo cittadino, Settimio Santilli, a nome dei suoi concittadini, si è detto profondamente colpito dalla terribile notizia. «Non esistono parole per poter colmare un vuoto così grande. Con forte commozione esprimo a nome dell'intera cittadinanza di Celano il profondo cordoglio alla famiglia». Tanti i messaggi di vicinanza per la prematura scomparsa di Lucia. «Un fiore strappato alla vita troppo giovane, è molto ingiusto e difficile da accettare» ha commentato un amico.