«Questo episodio non è collegato con quello che è accaduto fuori dalla discoteca. Mi sono sentito in colpa ma io ho avuto solamente un diverbio ed è finita là». Lo ha detto Domenico Paniccia, il ragazzo di Frosinone che ha lanciato il portatovaglioli contro Emanuele Morganti all'interno del Miro Music Club, all'inviato di Chi l'ha visto. «Io mi dissocio da quello che è successo. Sono un ragazzo come tanti altri e sono andato solo a divertirmi».

Inizialmente, come si ricorderà, si parlò di una lite, dentro il locale, tra Emanuele e un giovane albanese. Poi, in realtà, è stato accertato che il diverbio si verificò tra il 20enne di Tecchiena e un giovane italiano, successivamente identificato con Domenico Paniccia. Motivo della lite, solo verbale a parte il lancio del portatovaglioli, fu un cocktail "conteso", una bevanda poggiata sul bancone dal barman e che Emanuele pensava fosse per sé, avendo ordinato poco prima da bere per lui e alcuni amici e amiche. In realtà, il cocktail era proprio per Paniccia: di lì la discussione dalla quale, purtroppo, si è accesa la miccia che ha fatto intervenire i buttafuori con Emanuele scaraventato di peso fuori dal Miro e poi finito nelle mani del branco che, probabilmente, lo aspettava all'esterno.