I magistrati tornano per l'ennesima volta sulla scena del delitto Morganti. Già dalle 14 Piazza Regina Margherita è stata interdetta al transito veicolare e alla sosta, mentre le auto già parcheggiate vengono progressivamente fatte togliere. Stasera infatti, intorno alle 21, in condizioni quindi di luminosità simili a quelle della notte tra il 24 e il 25 marzo, verrà nuovamente ricostruito il pestaggio che ha portato alla morte del giovane Emanuele. Sulla scena criminis verranno condotti numerosi testimoni che hanno assistito alla brutale sequenza di aggressioni allo scopo di chiarire l'esatta dinamica dell'accaduto attraverso la comparazione sul posto delle deposizioni rilasciate in Procura. 

Inquirenti e investigatori procedono quindi senza sosta in un'indagine molto complessa, che ha fin qui portato all'arresto di Mario Castagnacci e Paolo Palmisani prima, e di Michel Fortuna lunedì sera. Un'inchiesta che deve ancora far luce su aspetti decisivi quali, su tutti, il movente, ammesso che ce ne sia uno. Il sopralluogo di questa sera servirà anche a raccogliere altri eventuali elementi probatori utili all'accertamento della verità.