Nella tarda mattinata di ieri, un uomo, alla vista della Volante della Polizia che stava effettuando un posto di controllo nella parte bassa del capoluogo, ha invertito improvvisamente il senso di marcia. La manovra sospetta non sfuggiva all'attenzione di una pattuglia della Squadra Mobile che stava transitando in zona. I poliziotti decidevano dunque di procedere al controllo dell'auto, intimando l'alt.

Il conducente, invece di accostare, si lanciava in una folle corsa, tanto da diventare pericoloso per gli altri automobilisti: anche alcuni ciclisti hanno rischiato di essere travolti dal fuggitivo. Nel momento in cui l'auto della Polizia di Stato tentava l'affiancamento, l'uomo improvvisamente sterzava, speronando i poliziotti. Entrambi i veicoli finivano fuori strada e il conducente veniva fermato ed identificato.

Si tratta di un 36enne originario di Alatri, ma di fatto domiciliato per la misura degli arresti domiciliari presso una comunità di recupero. Gli inquirenti scoprivano pertanto che aveva sottratto la macchina al responsabile della comunità, non aveva rispettato l'itinerario da seguire per sottoporsi a visita specialistica e per di più, passando dalla madre, aveva anche prelevato un'ingente somma di denaro con cui acquistare droga.

Inoltre, come da accertamenti di rito in caso di incidenti, l'uomo è risultato positivo al narcotest. L'uomo è stato dichiarato in stato di arresto per i reati di evasione, violenza e lesioni a Pubblico Ufficiale, furto, guida sotto l'effetto di sostanze psicotrope, nonché guida senza patente. I due operatori della Squadra Mobile sono stati refertati e ne avranno, rispettivamente, per 25 e 10 giorni.