L'onda razzista esplode in città. Dopo le polemiche delle scorse settimane quando sul web si è scatenata l'ira funesta a seguito di alcune abitazioni occupate dagli extracomunitari, poche ore fa un altro episodio razzista a Cassino: sulle panchine lungo la strada che costeggia il fiume in via Madonna di Loreto è comparsa la scritta "Negri merda" su alcune panchine.

Che la città martire non fosse proprio pronta all'accoglienza e all'integrazione si era intuito già in alcune occasioni: una sacca consistente della cittadinanza appare infatti contraria a qualsiasi forma di accoglienza nonostante la storia di Cassino città della pace e che in passato è stata sempre sensibile al tema dell'immigrazione.

Un tema che invece oggi vede una forte ostilità e gesti come quelli accaduti oggi pomeriggio sono ormai frequenti: l'intolleranza tocca ormai apici inimmaginabili. Ma chi, da sempre si batte per l'accoglienza - ovvero gran parte del mondo dell'associazionismo - mostra pollice verso e chiede alla parte sana della città di Cassino di ribellarsi quando capitano questi episodi.