A fuoco uno dei due platani della piazza San Tommaso di Aquino, a rischio la storia della città. La mano dovrebbe essere quella di un minore. È accaduto martedì sera in pieno centro ad Aquino, erano circa le 20 quando un commerciante ha visto del fumo uscire dallo storico platano della piazza. Subito è accorso al vicino bar e insieme al proprietario hanno cercato di spegnere le fiamme con dei secchi di acqua.

Immediato l'arrivo dei vigili del fuoco che hanno provveduto a domare definitivamente l'incendio. Tutto si è svolto in pochi istanti, infatti i presenti hanno notato solo le fiamme al tronco dell'albero. Ad essere preso di mira uno dei due platani presenti in piazza San Tommaso, quello con la base scavata dallo scoppio di una bomba. «Fiamme alla storia della città - il commento del sindaco Libero Mazzaroppi - Un atteggiamento scellerato frutto della poca conoscenza della nostra storia. Il fatto è che non si comprende che così si è attentato alla nostra cultura, alle nostre tradizione oltre che aver messo a repentaglio il futuro della pianta. Per fortuna l'intervento tempestivo dei cittadini e dei vigili hanno scongiurato il peggio».

Tante le ipotesi: da un lato c'è chi parla di una bravata di ragazzi, dall'altro chi accusa di un atto vandalico vero e proprio. E c'è chi invocando le telecamere promesse accusa l'amministrazione per lo stato raggiunto dalla città. Non è la prima volta che avviene un atto del genere, tempo fa era stata imbrattata la piazza con scritte oscene. Ma qualche sospetto c'è e si concentrano su un minore del posto. «Sono davvero amareggiato - continua il primo cittadino - I sospetti ci sono e siamo sulle tracce del possibile colpevole, spero che altri che hanno visto l'accaduto si facciano avanti e denuncino. A breve sarà pronto il bando per la video sorveglianza. Rammarica anche il fatto che, al posto di condannare, alcuni personaggi esaltino l'impresa per attaccare l'amministrazione».