Nelle prime ore di stamattina i carabinieri di Cassino hanno tratto in arresto un 24enne moldavo (già censito per rapina), in Italia senza fissa dimora, per il reato di "tentato furto aggravato in concorso".

L'uomo, unitamente a due complici anch'essi stranieri, dopo aver divelto la rete di recinzione e rotto una telecamera di sorveglianza, tentavano di entrare nel negozio "Bikextreme" di Sant'Elia Fiumerapido, di proprietà di un 37enne cassinate. A seguito del tempestivo intervento sul posto dei militari, avvisati dal titolare dell'esercizio che a sua volta era stato allertato dall'attivazione del sistema di allarme, i malfattori per garantirsi la fuga si dileguavano nelle campagne circostanti. Iniziava così un breve inseguimento, nel corso del quale gli operanti riuscivano a raggiungere il prevenuto, che, nel tentativo di sottrarsi all'arresto, si lanciava all'interno di una fitta siepe di rovi cadendo rovinosamente a terra; subito dopo, lo stesso veniva estratto dalla vegetazione da personale dei Vigili del Fuoco intervenuti su richiesta dei militari dell'Arma. Il malfattore, sottoposto nell'immediato a perquisizione personale, veniva trovato in possesso di un coltello a serramanico e di una torcia, sottoposti a sequestro; a seguito delle lesioni riportate, veniva altresì trasportato presso l'Ospedale di Cassino per le cure del caso.

Sono tuttora in corso le ricerche dei due complici, subito attivate.

L'arrestato, dopo le formalità di rito, veniva ristretto presso la camera di sicurezza.

Per la terza volta in pochissimo tempo hanno provato a rubare nel negozio "Bikextreme" di Sant'Elia Fiumerapido. Stavolta, però, gli è andata male. Si tratta di una banda composta da tre rumeni, tutti molto giovani, che avevano preso di mira l'attività commerciale specializzata nella vendita di bici modernissime e costosissime. Già una decina di giorni fa, dopo un secondo colpo compiuto tempo addietro, avevano tentato analoga impresa e in quell'occasione erano stati costretti alla fuga e ad abbandonare il furgone con dentro tutta la merce, cioè le bici trafugate. 

Nella notte appena trascorsa gli è andata ancora peggio. I carabinieri, infatti, che proprio in virtù di quanto accaduto avevano intensificato i controlli nella zona, impegnati in specifici servizi di controllo hanno visto i tre che stavano per entrare nel negozio. Avevano già praticato un buco in una parete ed erano in procinto di introdursi dentro. Alla vista dei militari i tre rumeni sono immediatamente scappati a piedi nelle circostanti campagne. I militari, scesi a loro volta dalle auto, si sono gettati sulle loro tracce in un rocambolesco inseguimento. 

Uno dei tre, caduto in un cespuglio di rovi, è stato acciuffato ed arrestato, mentre gli altri due sono riusciti a fuggire. Nell'area è ora in corso una vasta caccia all'uomo e non si escludono novità a breve. L'arrestato è un rumeno di 25 anni. L'intero raid è stato ripreso dalle telecamere di sicurezza del negozio. 

SEGUONO AGGIORNAMENTI
di: La Redazione