Erano stati arrestati nel 2015 con le gravi accuse di estorsione e usura. Ed ora nei confronti di tre persone, un 37enne, una 32enne e un 39enne, tutti di Fiuggi, è arrivata la mannaia della confisca di tre appartamenti di loro proprietà. Il blitz è stato coordinato dai carabinieri della compagnia di Alatri diretta dal maggiore Antonio Contente.

L'operazione

Nella giornata di mercoledì, infatti, i carabinieri del Norm di Alatri, insieme ai colleghi di Fiuggi, diretti dal comandante Mario Vinci, hanno dato seguito al provvedimento di confisca di tre immobili nel comune di Fiuggi. La vicenda è la fase finale di una complessa attività che gli uomini dell'Arma intrapresero nel 2015 a carico dei tre, perché ritenuti responsabili in concorso tra loro dei reati di estorsione ed usura. Una storia che fece molto scalpore due anni fa e che adesso è arrivata al suo epilogo. La vicenda pone ancora una volta alla ribalta la lotta nei confronti di chi si macchia del reato di usura, che i carabinieri di Alatri, con il maggiore Contente, stanno contrastando con ottimi risultati: recentemente, infatti, hanno arrestato un uomo che prestava soldi a tassi elevatissimi.

La città di Fiuggi non è nuova a queste operazioni, visto che in passato si sono registrate altre attività investigative che hanno portato alla confisca di beni per diverse operazioni. Ed infatti quando si trovano riscontri sull'acquisto di immobili frutto di proventi di attività illecite, la giustizia fa il suo corso e si arriva prima al sequestro e poi alla possibile confisca. Iter che di fatto si è verificato in questa ultima operazione che ha riguardato i tre fiuggini. La lotta contro questi fenomeni proseguirà ad ampio raggio da parte delle forze dell'ordine.