Donna ferita al petto, con un colpo darma da fuoco. Una calibro 22, illegalmente detenuta. Tragedia sfiorata ieri mattina presto a Valleluce, frazione di Sant'Elia Fiumerapido. Una donna di 46 anni di origini albanesi è stata trasportata d'urgenza al Santa Scolastica
per una ferita provocata dall'esplosione di un colpo di pistola giusto al petto. Poi immediatamente trasferita all'Umberto I di Roma in gravissime condizioni.

I carabinieri seguono la pista del tentato suicidio, ma restano al vaglio tutti gli elementi raccolti per non escludere nulla, mentre si attendono i risultati dello stub al compagno, ascoltato fino a sera in merito alla pistola illegalmente detenuta. 

La ricostruzione 

La chiamata al 118 è stata fatta dal compagno della donna ferita, un operaio di Sant'Elia residente a Valleluce. Secondo quanto accertato nell'immediatezza sarebbe stata la quarantaseienne ad afferrare la calibro 22 e a spararsi al petto. Un unico colpo. Per fortuna non in grado di ucciderla. Sarebbe stata ancora lei, con il torace insanguinato, ad aver raggiunto la stanza in cui si trovava il suo uomo. Che ha chiamato subito i soccorsi. La signora è stata trasportata al Santa Scolastica di Cassino in codice rosso, in gravissime condizioni. Poi
trasferita a Roma, all'Umberto I, dove nel pomeriggio di ieri è stata sottoposta a un delicato intervento chirurgico. E dove resta ricoverata.
I carabinieri della locale Stazione, della Compagnia di Cassino - coordinata dal maggiore Silvio De Luca - hanno ascoltato a lungo l'uomo (che risulta attualmente indagato per l'arma non denunciata) raccogliendo ogni prezioso dettaglio che sarà valutato con attenzione dalla procura di Cassino.

Secondo i militari sembrerebbe che si sia trattato di un tentato suicidio, le cui cause vanno ricercate all'interno di delicate dinamiche famigliari e di questioni personali altrettanto complesse. I risultati degli accertamenti condotti serviranno a fugare qualsiasi dubbio su una dinamica di certo particolare, al vaglio degli inquirenti. L'uomo dovrà infatti spiegare perché era in possesso della calibro
22 e come se l'é procurata. Intanto si vivono ore di apprensione per le condizioni della donna.