Ieri, a Cassino, i carabinieri hanno arrestato un trentunenne residente nel salernitano resosi responsabile del reato di "tentato furto aggravato" (l'uomo risulta già gravato da analoghe vicende penali e resistenza a. P.U.). Dopo aver forzato la saracinesca posta a chiusura del "locale tecnico" di una nota enoteca di Cassino, è stato sorpreso dalle forze dell'ordine mentre stava perforando, con un grosso cacciavite, una parete di cartongesso che permetteva l'accesso all'interno dell'enoteca dove si trovavano costose e pregiate confezioni di vino. Stante la flagranza di reato, l’uomo è stato dichiarato in arresto e accompagnato presso il predetto Comando Arma per le ulteriori incombenze di legge, mentre il cacciavite utilizzato, è stato sottoposto a sequestro. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato ristretto presso le camere di sicurezza del Comando Compagnia Carabinieri, in attesa del rito per direttissima così come disposto dalla competente Autorità Giudiziaria.