Scivola sul monte San Casto durante un’escursione: donna recuperata in elicottero dal Soccorso alpino. Naso all’insù per tanti sorani che nella tarda mattinata di ieri, allertati dal rumore del velivolo, hanno rivolto l’attenzione verso Madonna delle Grazie. Gli uomini del Cnsas (Corpo nazionale del soccorso alpino e speleologico) sono intervenuti per soccorrere una donna di 50 anni, M.R.T. di Sora, che scendendo dal sentiero del monte San Casto si è infortunata a una caviglia. Con il cellulare la donna, che ha perso l’equilibrio mentre scendeva a valle, ha allertato il 118 che immediatamente ha richiesto l’intervento del Soccorso alpino, intervenuto da Viterbo. I tecnici di terra, una volta raggiunto il luogo dell’incidente, grazie alle coordinate fornite dalla ferita con lo smartphone, le hanno prestato le prime cure.

Più di cento gli appassionati della natura che ieri si erano recati nella zona verde ,che sovrasta la città, per la celebrazione eucaristica tenutasi da Don Felice Calò. Il tecnico di elisoccorso si è calato sul posto e ha provveduto al recupero della donna attraverso l’utilizzo di un verricello. Per le necessarie cure la donna è stata trasportata all’ospedale SS. Trinità di Sora.

Ovviamente apprensione anche tra i presenti che, in quel momento si trovavano sul monte San Casto. «Eravamo da poco usciti dalla funzione religiosa domenicale e proprio mentre eravamo in piazza Santa Restituta abbiamo seguito le operazioni della macchina dei soccorsi» hanno raccontato alcuni testimoni che dalla parte bassa della città hanno assistito all’intervento.