Licenziamento di un operaio e sindacalista, la Flmu-Cub dello stabilimento di Cassino parla di "illegittimità e strumentalità" provvedimento. Il lavoratore, Delio Fantasia, è un dirigente sindacale (segretario) della Flmu-Cub della fabbrica di Cassino.
«Da sempre Fantasia si batte contro il peggioramento delle condizioni di lavoro e salariali in fabbrica e, più in generale, nel nostro Paese» afferma la Cub. Che poi lega i motivi del licenziamento, che sottolinea essere illegittimo, all'impegno profuso nella sua battaglia quotidiana per i diritti sul posto di lavoro.

La valutazione
«Le motivazioni sono pretestuose, ma la realtà è chiara a tutti: è un lavoratore che si batte e non lascia mano libera a peggiorare le condizioni, i carichi e gli orari di lavoro - scrivono i sindacati Flmu-Cub - e che si attiva per evitare che si arrivi a "gestire" esuberi strutturali, chiudere interi reparti e operare tanti altri interventi che colpiscono i dipendenti».