Quale occasione migliore per rilanciare la proposta di una zona a traffico limitato al centro storico dell'inaugurazione del teatro Vittoria? Ieri mattina, in contemporanea con la riapertura della rinnovata struttura all'incrocio tra via Amandola e via Maccari è andato in scena un flashmob, il secondo in pochi mesi, per ridare fiato alla proposta di una ztl nella parte più antica del capoluogo.

«Questa non è una manifestazione di Legambiente - ha gridato al megafono Stefano Ceccarelli, presidente del circolo il Cigno - ma è una manifestazione richiesta a gran voce da molti residenti e commercianti della zona». Un modo per mantenere al centro del dibattito il tema delle ztl. Frosinone è 66° in Italia per le ztl e 102° per le isole pedonali secondo il dossier di Legambiente Ecosistema urbano, mentre è ultima per la disponibilità di aree pedonali nell'altra classifica sulla qualità della vita di Italia Oggi.

Al flashmob di ieri non è mancato qualche accenno polemico tra i manifestanti e gli amministratori con il sindaco Riccardo Mastrangeli, l'unico che si è avvicinato ai contestatori, a cui è stato detto: «State tergiversando, dando messaggi diversi tra loro e in contraddizione». Prima, lo stesso Ceccarelli, rivolto «all'assessora» al centro storico Rossella Testa ha aggiunto: «Che sia più concreta e abbia la volontà di dialogare con i cittadini e soprattutto con i residenti».
In precedenza, lo scorso luglio sempre Legambiente aveva promosso un primo flashmob. L'argomento è ritornato d'attualità lo scorso 17 gennaio a seguito di un'interrogazione in consiglio comunale sulla ztl alla quale l'assessore ha fornito quella che l'associazione ha definito una «non risposta».