La vertenza De Medici continua a tenere banco. Ieri è finita sul tavolo del consiglio direttivo dell'Anci Lazio, che qualche ora prima aveva lanciato un appello al ministro Fratin. E intanto rassicurazioni sull'arrivo dell'Aia nelle prossime ore (si spera già oggi) sono arrivate da Daniele Maura, vice capogruppo FdI Regione Lazio, ai microfoni di "Extra Tv".

La battaglia
A sollevare la questione, ribadendo l'urgenza con cui intervenire, è stato il delegato Gianluca Quadrini durante il consiglio direttivo che si è svolto in via dei Prefetti a Roma. Proprio in quella sede è stata affrontata la questione della chiusura della cartiera di Villa Santa Lucia, che comporterebbe la perdita di ben 300 posti di lavoro, tra azienda e indotto. Alla presenza dei membri del direttivo, Gianluca Quadrini, delegato alle attività produttive e sviluppo economico Anci Lazio, ha avviato una discussione per scongiurare la chiusura dello stabilimento ed evitare quella che si prospetterebbe una grande crisi economica e sociale.

«Ho ritenuto opportuno, vista anche la comunicazione che nei giorni scorsi, insieme al presidente Anci Lazio, Riccardo Varone, abbiamo inviato al ministro dell'Ambiente Gilberto Pichetto Fratin, sollevando la questione della chiusura dello stabilimento. Ho ritenuto fondamentale portare questa problematica all'attenzione dei membri del consiglio, poiché la chiusura dello stabilimento avrebbe un impatto significativo sulla comunità e sull'economia locale» continua Quadrini, affermando poi la necessità di prendere una decisione responsabile nei confronti del territorio e che tenga conto degli interessi della comunità nel suo complesso.

«Ho illustrato i problemi che potrebbero derivare dalla chiusura dello stabilimento, come la perdita di posti di lavoro per i dipendenti e il conseguente aumento della disoccupazione nella zona. Inoltre, ho sottolineato che lo stabilimento è stato un elemento vitale per l'economia locale - ha continuato - generando entrate per le imprese locali e contribuendo al tessuto sociale della comunità. Sono fiducioso che le nostre sollecitazioni abbiano aperto la strada a una discussione più approfondita e a una presa di decisione mirata alla tutela degli interessi di tutti i cittadini».

Le rassicurazioni
Mentre i sindacati restano in attesa della convocazione al Ministero - dopo la reiterata richiesta di incontro - ieri sera nella trasmissione di "Extra Tv" il consigliere regionale Daniele Maura ha dato una rassicurazione di non poco conto: l'Aia - sebbene con alcune prescrizioni - sarà rilasciata nella giornata di oggi, salvo intoppi burocratici. O al massimo lunedì. Un punto cruciale di tutta la vertenza De Medici: il mancato rilascio dell'Aia da parte della Regione - dopo i lunghi stop produttivi a seguito delle inchieste della procura - ha di fatto comportato il blocco totale della cartiera.
Cartiera che sta provando a resistere, tra commesse sfumate e dipendenti stremati da ammortizzatori sociali e attese. Ma che, nelle scorse settimane, ha annunciato l'avvio della cessazione dell'attività aprendo un altro durissimo capitolo della storia economica locale.