Cinghiali che si riproducono senza limiti, danni alle coltivazioni e paura per chi abita in zone isolate. Il mancato rispetto delle norme che regolano la caccia, però, può riservare sorprese ancora peggiori. Nei giorni scorsi sarebbero state effettuate numerose segnalazioni da parte di cittadini impauriti per gli spari di fucile a poca distanza dalle loro abitazioni. Sentire i pallini di piombo colpire le imposte e schiacciarsi contro il muro non è affatto una sensazione piacevole, senza contare che, quando si tratta di armi utilizzate per la caccia al cinghiale, la potenza della cartuccia può provocare danni fatali anche ad una certa distanza.

La zona in questione è quella situata sulla dorsale dei monti, a poca distanza dalla ex cava di pietrisco. La segnalazione di spari è stata effettuata da più di una persona e il riscontro delle forze dell'ordine è stato immediato. La violazione alle norme che stabiliscono determinate distanze dalla strada, dai confini e dalle abitazioni, viene sanzionata generalmente con una multa. Stavolta, però, ci sarebbero precise indicazioni e dettagli rispetto ai protagonisti della sparatoria, indiscrezioni che porterebbero alla individuazione di cacciatori di cinghiale.

La denuncia degli autori di queste ingiustificabili malefatte, con la produzione di prove e testimonianze sulla pericolosità per la pubblica incolumità di queste modalità di caccia, farebbe assumere alla vicenda delicati risvolti penali, con la conseguenza quasi immediata del sequestro delle armi, come previsto da Testo unico delle leggi sulla pubblica sicurezza nei confronti di chi si è reso responsabile di queste condotte che, secondo quanto riferito dai segnalanti, sembra una pratica assai frequente. La zona di cui si parla, infatti, non rientra in quelle definite e perimetrate come destinate alla caccia al cinghiale.

L'individuazione delle aree di caccia al cinghiale è determinata dagli appositi Ambiti territoriali di caccia che trasmettono alla Regione, entro il primo settembre, le singole aree di caccia individuate al fine di permettere il controllo relativo agli aspetti sulla sicurezza dell'attività venatoria e dell'incolumità dei soggetti interessati.