Cinghiali a spasso sulla Sr. 82 "Valle del Liri" e fortunatamente automobilisti cauti riescono a evitare lo scontro. L'avvistamento è stato registrato due giorni fa, alla fine del 2023, ai confini tra Ceprano e Isoletta d'Arce, in tarda serata. Un cepranese percorreva la Sr. 82 "Valle del Liri" in direzione Ceprano, alla guida della sua auto, con a bordo gli amici con i quali era stato a cena. All'improvviso, nel buio, ha visto sbucare dal lato della strada due enormi cinghiali, seguiti da tre cuccioli.

Fortunatamente procedeva a velocità moderata, consapevole dei rischi che si corrono sulla strada regionale. Pertanto, ha avuto il tempo di frenare ed evitare l'impatto. Grande la paura fra i passeggeri dell'auto che in un attimo, mentre tornavano a casa dopo una serata tranquilla, hanno rischiato un incidente causato dagli ungulati. I cinghiali che circolano nelle nostre zone, anche in prossimità dei centri urbani, sono enormi e l'impatto con le automobili, oltre a causare danni, può compromettere l'incolumità dei conducenti.

Quindi, sono state fortunate le persone che l'altra notte hanno evitato l'incidente, ma il rischio resta alto e quotidiano, soprattutto nelle ore buie quando i grossi animali dal pelo scuro si mimetizzano ed è difficile vederli, soprattutto se si percorrono tratti di strada non illuminati. Le vie in cui si registra la presenza di ungulati sono note, le aree sono prossime ai fiumi e ai boschi, ambienti in cui i cinghiali si stanziano agevolmente, per cui gli abitanti del comprensorio ormai conoscono i punti di attraversamento degli animali e comunque su alcune strade mantengono velocità ridotte proprio per evitare pericolosi impatti notturni.

Le squadre di caccia continuano ad operare eliminando numerosi esemplari, ma tale attività non riesce a frenare il fenomeno in quanto i cinghiali si riproducono velocemente e invadono i territori prossimi ai centri urbani dove ormai sono stanziati. Visto che il problema non è gestito e comunque resta irrisolto, è opportuno mantenere velocità moderate lungo alcune arterie dove gli avvistamenti degli ungulati sono all'ordine del giorno, oltre a mantenere alta l'attenzione.