In Ciociaria diminuiscono le denunce di infortunio sul lavoro, compresi quelli con esito mortale, ma aumentano le denunce di malattie professionali. È quanto emerge dall'ultimo dossier dell'Inail su infortuni e malattie professionali in Italia. In provincia di Frosinone, nel periodo che va da gennaio a novembre si contano 1.874 denunce di infortunio (per luogo di accadimento) contro le 2.731 dell'analogo periodo del 2022. In termini percentuali il calo è del 31,38%. Anche il dato di novembre 2023, rapportato con quello dell'analogo mese del 2022, segna una contrazione, 131 casi contro 185 per un meno 29,18%.

Analoga tendenza si intravede nel Lazio dove, in un anno, le denunce di infortunio sul lavoro diminuiscono da 50.397 a 37.391 per un meno 25,80%. Il trend è comune a tutte le province. Roma esclusa, il maggior numero di denunce di infortunio sul lavoro si riscontra a Latina dove, comunque, la contrazione in un anno è da 4.975 a 3.325. Stessa cosa per il solo mese di novembre con riduzione del numero delle segnalazioni all'Inail da 363 a 262 per quanto riguarda Latina, sempre seconda dopo Roma.

Gli infortuni con esito mortale nel Lazio si mantengono quasi stabili con una leggera diminuzione, sempre nei primi undici mesi dell'anno, dagli 85 del 2022 agli 84 del 2023. In provincia di Frosinone la tendenza è più marcata con una diminuzione da 14 a 9 casi mortali, per un meno 35,71%. Eventi letali stabili a Latina (12) e in crescendo sia a Rieti, da 2 a 4, che a Viterbo, da 1 a 6. Roma invece cala da 56 a 53. A novembre, invece, gli infortuni mortali diminuiscono da 6 a 5, con Roma che scende da 5 a 4, Rieti da 1 a 0, mentre Latina passa da 0 a 1 e Frosinone non registra alcun incidente con esito mortale, così come era stato a novembre del 2022.

Nel Lazio gli infortuni sul lavoro sono concentrati principalmente nel terziario (14.260 nel 2023) e nell'industria (7.469). Per tipologia di attività il grosso è compreso tra sanità e assistenza sociale (3.392), trasporto e magazzinaggio (2.880) e commercio all'ingrosso (2.145). Quanto al genere, 22.536 gli infortunati maschi e 14.855 le femmine. Sono 10.497 gli infortuni in occasione di lavoro. L'altra statistica si riferisce alle denunce di malattie professionali. Il trend, in questo caso, è in risalita.

Nel Lazio, da gennaio a novembre, si passa dalle 3.887 denunce del 2022 alle 4.586 del 2023 per un più 17,98%. Di queste 1.202 provengono da Frosinone e sono riferite al 2022 e altre 1.234 sono del 2023. In un anno, in Ciociaria, le denunce di malattie professionali sono aumentate del 2,66%. Peraltro le denunce di malattie professionali della provincia di Frosinone rappresentano il 26,90% del totale regionale, considerato che a Roma sono 1.766. Il dato della Ciociaria è nettamente il secondo del Lazio, non troppo lontano dal dato della provincia di Roma. A livello mensile, novembre 2023 segna un calo delle denunce partite dalla provincia di Frosinone da 110 a 102. Nel Lazio l'incremento è da 392 a 409.