La conoscenza del territorio, i controlli mirati per intercettare i traffici illeciti e la visibilità quale fondamentale strumento di prevenzione. In questa molteplice ottica, in questi giorni, le donne e gli uomini della compagnia carabinieri di Sora hanno replicato un servizio ad ampio raggio con posti di controllo rinforzati nei territori di Sora, Isola del Liri e Monte San Giovanni Campano. Posti di controllo e servizi di prevenzione sulle principali arterie di collegamento con l'Abruzzo e la Campania, come sulla SSV Sora – Cassino, proprio al fine di arginare i fenomeni di pendolarismo criminale, sia esso destinato al perpetrare i reati predatori che all'approvvigionamento di sostanze stupefacenti.

Inoltre, ispezioni ai luoghi dove sono segnalati episodi di spaccio di stupefacenti. Complessivamente sono stati impiegati 23 militari in 11 differenti pattuglie che hanno perlustrato sia le aree urbane che le periferie e le vaste zone rurali, proprio per rendere evidente la presenza degli uomini dell'arma ed aumentare la sicurezza percepita.

La manovra  è quella di rafforzare i controlli concentrando le forze in più siti contemporaneamente,  e di raggiungere i luoghi che vengono di volta in volta segnalati dai cittadini a cui si tenta di dare ogni volta una risposta celere e puntuale. Numerose sono le segnalazioni di auto sospette, in particolare una Volkswagen Passat di colore nero che in tanti si passano sui vari gruppi social e che in questi giorni è stata più volte segnalata. Chiaramente non si ha nessun riscontro concreto del coinvolgimento di questa vettura in eventi delittuosi e, come spesso accade, potrebbe essere l'effetto proprio delle tante segnalazioni informali, nessuna circostanziata, che arrivano alla centrale operativa dei carabinieri di Sora ma la verifica rimane doverosa.

Anche in questa attività sono stati numerosi i veicoli sottoposti a controllo, circa 130, mentre le persone identificate sono state 168.

Agli esiti dei controlli un trentasettenne di Arce è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza alcolica, riscontrato un tasso alcolemico altissimo di ben di 2,2 grammi/litro. Ritirata la patente di guida e trasmessa alla prefettura di Frosinone per la successiva sospensione. Un quarantasettenne di Isola del Liri è stato controllato nei pressi dei locali commerciali di via Vittorio Emanuele III. Perquisito sul posto è stato trovato in possesso di una bottiglietta di metadone, che non poteva detenere perché privo di prescrizione. Si tratta evidentemente di sostanza spacciata da chi aveva diritto ad ottenerla perché iscritto al Sert, sono in corso specifici accertamenti.

Ad Isola del Liri, in piazza Triade, due giovani di 18 e 19 anni, entrambi di Sora, sono stati trovati in possesso di alcuni grammi di hashish. Tutti segnalati alla prefettura per uso di stupefacenti.

Poi i militari, su segnalazione di un cittadino, hanno proseguito i controlli nel comune di Casalvieri dove hanno rinvenuto una carabina calibro 22 con matricola abrasa. L'arma, completa di caricatore ma senza cartucce, era stata abbandonata ai piedi di una pianta, non lontano dalla strada, in un'area disabitata. I carabinieri l'hanno repertata con attenzione al fine di effettuare ricerche di campioni biologici e tracce utili a identificare chi possa averne avuto recentemente il possesso.

Nel controllare il centro abitato di Strangolagalli, poi, è stata identificata una persona di quarantasette anni originaria e residente a Napoli. Questa, gravata da precedenti di polizia specifici per reati predatori e stupefacenti, ha raccontato cose farraginose sul come fosse arrivata in paese e sul motivo della sua presenza. Perquisita non è stata trovata in possesso di materiali illegali. Intanto, dopo essere stata trattenuta per l'identificazione, è stata avviata la proposta per l'allontanamento con foglio di via obbligatorio dal Comune.