Mercoledì 22 novembre alle 17,30 presso la sala stampa della Camera dei deputati si è tenuta - in occasione degli Orange Days promossi dalle Nazioni Unite - la presentazione del progetto di sensibilizzazione "Uniti per prevenire la violenza contro le donne".
Fortemente sostenuta da Claudia Conte è da un consorzio di organizzazioni non governative, istituzioni pubbliche e settore privato tra cui Women Care Association ETS, l'iniziativa mirava a sensibilizzare la società sulle diverse forme di violenza contro le donne, fornendo strumenti pratici per prevenire e contrastare tali comportamenti.

Durante la conferenza, in onda su Radio Radicale, i rappresentanti delle organizzazioni coinvolte hanno presentato le iniziative chiave del progetto, tra cui campagne di sensibilizzazione mediatica, workshop nelle scuole e nei luoghi di lavoro, nonché risorse online accessibili a tutti.

All'iniziativa hanno partecipato la Sen. Licia Ronzulli; l'On. Martina Semenzato; l'On. Simona Loizzo e l'On. Laura Ravetto della Commissione Parlamentare d'Inchiesta sul Femminicidio alla Camera dei deputati.

Inoltre, è intervenuto il conduttore Rai Beppe Convertini e hanno partecipato Olga Cola (Presidente Women Care Association ETS);  il Questore Antonio Pignataro, Pamela Franconieri (Vice Questore Aggiunto della Polizia di Stato); l'On. Alessandro Cattaneo, l'avv. Paola Balducci (Componente dell'osservatorio sulla violenza di genere del Ministero della Giustizia); ospite speciale la cantautrice Annalisa Minetti, che dichiara: "Ricordiamoci che non dobbiamo avere paura dell'amore. L'amore è rispetto. Unite vinceremo."

Testimonial e conduttrice dell'evento Claudia Conte, attivista per i diritti delle donne: "Il corpo della donna è ancora visto come oggetto da possedere, da sottomettere, da usare, visione figlia di un impoverimento culturale e sociale – afferma la giornalista - Le donne si emancipano, ma non tutti gli uomini riescono ad accettare il cambiamento di stereotipi e le conquiste di libertà. Il femminicidio è la negazione dell'emancipazione femminile e dell'affermazione dei diritti delle donne. È il momento di cambiare e dobbiamo farlo tutti insieme".

Queste le parole del Sottosegretario al Ministero dell'Interno Wanda Ferro: "Oggi al Senato passato all'unanimità il nuovo DDL femminicidio. La proposta del governo introduce severe disposizioni per il contrasto alla violenza sulle donne e alla violenza domestica, potenziando gli strumenti di tutela, soprattutto per quanto riguarda la prevenzione. Ma la scuola, e le famiglie ancor prima, devono trasmettere i valori del rispetto alla dignità e alla libertà dell'altro, il valore della sacralità della vita e la parità intellettuale."


Il progetto vuole coinvolgere attivamente la comunità, stimolare la riflessione e promuovere un cambio culturale che ponga fine alla tolleranza della violenza di genere. Gli Orange Days, promossi dalle Nazioni Unite, rappresentano un periodo di mobilitazione globale per porre fine alla violenza di genere. Durante questo periodo, edifici e monumenti in tutto il mondo vengono illuminati di arancione per simboleggiare l'impegno nella lotta contro la violenza nei confronti delle donne e delle ragazze. Il progetto "Uniti per prevenire la violenza contro le donne" si inserisce perfettamente in questa iniziativa, contribuendo a promuovere la consapevolezza e l'azione in tutto il mondo per porre fine a una delle violazioni più gravi dei diritti umani.