Occhi puntati sui problemi del centro storico, a cominciare dal progressivo spopolamento di alcuni quartieri. Il sindaco Luca Di Stefano accoglie la proposta dei residenti della zona di Pianello e si dice disposto ad attuare, insieme agli uffici comunali, un censimento degli immobili sfitti nel cuore della città. Una strategia per rilanciare il quartiere contrastando il degrado e la microcriminalità, per farlo tornare a vivere, richiamando così le famiglie ad abitarvi, anche quelle che lo hanno abbandonato.

Il primo cittadino ha anticipato che prima della fine di quest'anno verranno consegnati alcuni alloggi Ater proprio a Pianello. «L'attenzione della mia amministrazione alla pulizia è massima - ha sottolineato Di Stefano - Penso che in giro si veda. Sora è una città più pulita e decorosa. Ogni giorno, purtroppo, rimuoviamo una media di sette-otto siringhe nel centro cittadino; gli operatori della società Ambiente e salute Srl le trovano nei vasi e nei vicoli e bonificano tutte le aree».

Di Stefano rimarca come anche sul fronte della prevenzione l'amministrazione comunale si sta impegnando a fondo: «Abbiamo puntato a rinforzare i rapporti con le forze dell'ordine sul tema della videosorveglianza, firmando la convenzione con il commissariato di polizia di Sora che potrà accedere al sistema di videosorveglianza comunale».

Lo scorso 9 ottobre, con l'approvazione della delibera numero 204, la giunta Di Stefano ha dato il via alla convenzione. Si legge sull'albo pretorio del Comune: "è stato installato un nuovo sistema di videosorveglianza cittadina, al fine di supportare le forze dell'ordine nelle loro funzioni dirette a garantire e tutelare la sicurezza dei cittadini e del patrimonio pubblico e nell'ottica di una sempre maggior collaborazione e coordinamento con le forze dell'ordine stesse".

Finora le immagini riprese dalle telecamere presenti sui ponti della città, lungo corso Volsci, nei vicoli del centro storico e in piazza Santa Restituta erano visionabili dal comando della polizia locale; ora anche gli agenti del commissariato potranno accedervi per acquisire elementi preziosi per le indagini sugli episodi criminali, sullo spaccio di stupefacenti, sugli schiamazzi e le risse che turbano le notti dei residenti. E ancora, per sorvegliare in tempo reale il flusso veicolare nelle varie zone del territorio e favorire l'azione sanzionatoria prevista dalle norme per i comportamenti illeciti.