Ladro hot denunciato dai carabinieri per furto di biancheria intima. A finire nei guai, nei giorni scorsi, è stato un quarantatreenne di Veroli.
L'episodio la scorsa settimana nel cortile di un'abitazione a Monte San Giovanni Campano, dove sarebbe stato sorpreso a rubare slip e reggiseni. Dalla perquisizione prima nella sua auto e successivamente nella sua abitazione, i militari hanno trovato centinaia di capi di biancheria intima. Si tratterebbe sempre di reggiseni e slip.
Secondo le accuse potrebbero essere diversi i colpi messi a segno nel tempo anche nelle zone del Sorano e del capoluogo ciociaro. Il verolano, per la sua difesa, si è rivolto all'avvocato Giampiero Vellucci.

La ricostruzione
Deve rispondere dell'accusa di furto pluriaggravato il quarantatreenne finito nei guai il 7 ottobre scorso, sorpreso a rubare da uno stendino del cortile di una casa nel territorio monticiano, reggiseni e mutandine. Stessi indumenti trovati dalle forze dell'ordine anche all'interno della sua macchina e nella sua abitazione a Veroli, dove sono stati estesi i controlli dei carabinieri dopo quanto accaduto la scorsa settimana.

Pertanto si ritiene che l'uomo possa aver messo a segno altri furti ai danni di cittadini anche di altri paesi, in particolare nel sorano e a Frosinone.
Nei giorni scorsi, dunque, la denuncia per furto pluriaggravato. Il verolano indagato, come detto, è difeso all'avvocato Giampiero Vellucci.