Quattordici milioni e mezzo. Per la precisione 14.533.160 euro. È la cifra che l'amministrazione Rocca è pronta a investire sulle principali strutture sanitarie della provincia di Frosinone. La decisione è scaturita dalla seduta di giunta di lunedì sera scorso con la quale si è dato il via a un complesso piano di interventi sulla sanità laziale di 155 milioni in occasione del Giubileo della Chiesa Cattolica del 2025.

Nell'allegato della deliberazione c'è il dettaglio degli interventi con gli importi. Per l'ospedale "Fabrizio Spaziani" del capoluogo si parla di ristrutturazione degli spazi e di potenziamento delle attrezzature del Pronto Soccorso per un totale di 4.514.000 euro.
Stessa tipologia di interventi anche per il "Santa Scolastica" di Cassino e per il "Santissima Trinità" di Sora per i quali verranno spesi rispettivamente 3.275.700 euro e 4.270.000 euro. In ultimo, un investimento consistente è programmato anche per il potenziamento del pronto soccorso del "San Benedetto" di Alatri per il quale è prevista una spesa di 2.474.160 euro.

Un segnale di attenzione importante verso le esigenze della sanità ciociara e un segnale di svolta atteso da tempo che, finalmente, diventa realtà. Si realizzerà, così, l'implementazione delle strutture pubbliche, con la possibilità di far fronte contemporaneamente alle differenti tipologie di patologie, garantendo la dignità e la centralità alla figura del paziente.
Gli interventi, infatti, sono finalizzati a creare le condizioni per una effettiva tutela dell'esercizio del diritto alla salute, in ordine alle prestazioni sanitarie erogate dalle strutture pubbliche della Ciociaria, con particolare riferimento agli ospedali di Frosinone, Cassino e Sora, che insistono su un bacino di potenziale accesso di circa 500.000 persone.

La finalità è quella di potenziare il servizio sanitario regionale per migliorarne l'efficacia nel rispondere ai bisogni di cura delle persone, anche alla luce delle criticità emerse nel corso dell'emergenza pandemica e non solo.
Gli investimenti puntano, quindi, a sviluppare assistenza di prossimità e innovazione, andando a finanziare la realizzazione di interventi sulle strutture nevralgiche della provincia di Frosinone con un impegno importante da parte dell'amministrazione del presidente Francesco Rocca (che tra l'altro ha tenuto per sé la delega alla sanità) che vuole essere sempre più vicina ai territori e sempre più vicina alle esigenze delle persone.